Close
Locazione-danni-risarcimento

Locazione: danni all’immobile e risarcimento

Condividi questo articolo :

In tema di locazione, allorché il conduttore abbia arrecato gravi danni all’immobile locato, o compiuto sullo stesso innovazioni non consentite, il locatore può legittimamente rifiutare di ricevere la restituzione del bene finché dette somme non siano state corrisposte.

La vicenda aveva preso le mosse dalla citazione da parte di una società nei confronti di un’altra per ottenere il risarcimento, ai sensi dell’art. 1591 c.c., del danno conseguente all’occupazione abusiva di un immobile già locato alla convenuta, dopo la scadenza del contratto di locazione.

Sia il giudice di primo grado che la Corte d’Appello erano stati d’accordo nell’accogliere l’istanza risarcitoria e dello stesso parere si è infine mostrata anche la corte di Cassazione, che ha respinto il gravame dell’impresa conduttrice.

I giudici hanno a tal proposito ricordato che in tema di locazione, allorché il conduttore abbia arrecato gravi danni all’immobile locato, o compiuto sullo stesso innovazioni non consentite, tali da rendere necessario per l’esecuzione delle opere di ripristino l’esborso di somme di notevole entità, in base all’economia dei contratto e tenuto comunque conto delle condizioni delle parti, il locatore può legittimamente rifiutare di ricevere la restituzione del bene finché dette somme non siano state corrisposte dal conduttore il quale, versando in mora, agli effetti dell’art. 1220 c.c., rimane obbligato, altresì, al pagamento del canone ex art. 1591 c.c., quand’anche abbia smesso di servirsi dell’immobile per l’uso convenuto.

Cass. Civ., Sez. VI, 23 settembre 2022, n. 27932

Redazione Consortium Forense 1960

Condividi questo articolo :

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *