Close
cartelle-esattoriali-interessi

Cartelle esattoriali e interessi

Condividi questo articolo :

La cartella esattoriale deve riportare sempre con precisione i criteri di determinazione degli interessi dovuti dal contribuente.

La questione giunta innanzi agli ermellini concerneva una cartella di pagamento, nella quale, a detta del contribuente, mancava la motivazione del calcolo degli interessi maturati.

In particolare, si faceva notare che non sarebbe chiaro attraverso quali criteri l’ufficio fosse giunto a determinare gli interessi richiesti; accogliendo tale doglianza, le Corti di merito avevano ritenuto nulla la cartella, che in effetti conteneva solo la cifra globale degli interessi medesimi, senza l’indicazione del procedimento di calcolo e delle aliquote prese a base delle singole annualità.

Sulla stessa linea di pensiero si poneva la Corte di Cassazione, che a tal proposito ha infatti ricordato come in tema di riscossione delle imposte sul reddito, la cartella di pagamento degli interessi maturati su un debito tributario deve essere motivata, non rilevando che il debito sia stato riconosciuto in una sentenza passata in giudicato, dal momento che il contribuente deve essere messo in grado di verificare la correttezza del calcolo degli interessi, tanto più che alle cartelle di pagamento notificate dopo l’entrata in vigore della l. n. 212 del 2002 deve allegarsi la sentenza.

Cass., 23 maggio 2018, n. 17765/o.

Redazione Consortium Forense 1960

Condividi questo articolo :

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *