Array ( [1862] => Array )
Close
Incidente-stradale-prova

Incidente stradale: chi prova?

Array ( [1862] => Array )
Condividi questo articolo :

Incidente stradale: chi chiede il risarcimento del danno deve il fatto, il danno ed il nesso di causalità, mentre grava sul convenuto l’onere di provare la sua assenza di colpa.

Un uomo aveva convenuto il proprietario dell’auto di cui era passeggero, poiché, ritenendolo responsabile del sinistro in cui era rimasto coinvolto, chiedeva il risarcimento integrale dei danni subiti.

Il tribunale ha ritenuto tuttavia di dover rigettare tale domanda.

In primo luogo, il giudice ha rilevato che l’attore ha scelto di agire ai sensi degli artt. 2043 e 2054 c.c., non avvalendosi dell’azione diretta di cui all’art. 141 codice delle assicurazioni private. Per tale motivo, ha ricordato che suo onere è quello di provare il fatto storico e non la responsabilità del vettore-conducente, potendo a tal fine avvalersi delle presunzioni sancite dall’art. 2054 c.c. che esprime principi di carattere generale applicabili a tutti i soggetti che dalla circolazione comunque ricevono danni e, quindi, anche ai trasportati.

L’attore che agisce in giudizio domandando il risarcimento del danno da sinistro stradale è tenuto a provare tutti gli elementi richiesti dall’art. 2043 c.c., ad eccezione della colpa del conducente – danneggiante, che si presume sussistente in capo al medesimo una volta che l’attore abbia provato in giudizio fatto, danno e nesso di causalità.

Per converso, il danneggiante convenuto deve fornire la prova dell’assenza di colpa nella sua condotta per sottrarsi a responsabilità.

Nel caso di specie, l’onere probatorio a carico dell’attore non risultava assolto.

Tale onere non potrebbe dirsi assolto neanche tramite le deposizioni degli altri trasportati coinvolti nel sinistro: infatti, la Corte di Cassazione ha più volte precisato che la vittima di un sinistro stradale è incapace ex art. 246 c.p.c. a deporre nel giudizio avente ad oggetto la domanda di risarcimento del danno proposta da altra persona danneggiata in conseguenza del medesimo sinistro

Trib. Brindisi, 19 novembre 2019, n. 1644

Redazione Consortium Forense 1960

The following two tabs change content below.
Condividi questo articolo :

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *