Close
Infortunio-lavoro-prova

Infortunio di lavoro: occorre sempre la prova

Condividi questo articolo :

Perché possa essere concessa una rendita per infortunio in itinere è necessario che il lavoratore dimostri che l’incidente sia occorso in occasione dello spostamento da un cantiere di lavoro all’altro ed altresì non dimostri l’assenza di mezzi pubblici utili a coprire il percorso.

Sia il giudice di primo grado che la Corte d’Appello avevano rigettato la domanda di un operaio di costituzione di rendita per infortunio.

In particolare, in relazione all’incidente stradale, i giudici avevano ritenuto non provato che l’incidente fosse occorso in occasione dello spostamento da un cantiere di lavoro all’altro ed altresì non dimostrata l’assenza di mezzi pubblici utili a coprire il percorso, ed ha conseguentemente rigettato la domanda del lavoratore escludendo la natura di infortunio in itinere dell’incidente.

Alla stessa conclusione è giunta la Corte di Cassazione, che ha confermato la sentenza di secondo grado impugnata.

Questa, in effetti, ha escluso non l’incidente stradale ma l’infortunio in itinere, ossia la riconducibilità dell’incidente ad occasione di lavoro, ritenendo non provato che lo spostamento intercorreva tra cantieri ove veniva espletato il lavoro e, per altro verso, che non vi fossero idonei mezzi pubblici utilizzabili dal lavoratore. In difetto di prova di tali elementi, comunque non forniti dal lavoratore che vi era onerato, la Corte ha confermato quanto deciso dai giudici di merito.

Per tale ragione la Cassazione ha, dunque, rigettato il ricorso.

Cass. civ., Sez. Lav., 6 settembre 2021, n. 24023

Redazione Consortium Forense 1960

Condividi questo articolo :

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *